Marazzi Architetti





NUOVO STADIO MUNICIPALE DI SIENA NEW MUNICIPAL STADIUM IN SIENA

Il progetto affronta il tema dell’inserimento di una grande infrastruttura sportiva in un contesto ambientale di grande pregio.
Il Comune di Siena, individuando per il nuovo stadio una vasta area a Sud della città, lasciava ai progettisti la responsabilità di scegliere per l’impianto la collocazione più adeguata così, decidendo di tutelare l’integrità paesaggistica delle aree, con grande discrezione il progetto si presenta come una sorta di incidente della natura prodotto da un dissesto idrogeologico o da un movimento tellurico.
Come un Teatro Greco, l’impianto per 20.000 spettatori si adagia in un acclivio naturale contenendo drasticamente il costruito fuori terra ed assecondando le curve di livello si distende a configurare un parterre verde per i grandi eventi. La tipologia tradizionale a “contenitore chiuso” è superata per accogliere il paesaggio all’interno dello stadio: sul lato nord, sostituendo la seconda curva, il dolce declivio inquadra magnificamente la città di Siena.
Ad ovest la copertura abitata è immaginata come uno strato minerale emerso dal pendio mediante lenta erosione; il materiale di rivestimento sviluppato ad hoc, (conglomerato cementizio con inerti di tufo locale) ne garantirà la perfetta integrazione nel paesaggio.
Dal punto di vista delle dinamiche di utilizzo, il progetto trasfigura la tipologia dello stadio da introverso contenitore ad uso intermittente a luogo aperto in grado di vivere sette giorni su sette e spostando il baricentro dal campo di giuoco, estende la visione alle aree circostanti: dalla via Cassia al torrente Arbia, dal Renaccio ad Isola si immagina un sistema complesso ove funzioni specifiche legate al giuoco del calcio coesistano con altre attività sportive, educative, terziarie e commerciali: un’area polivalente, ben servita dalle infrastrutture e dai parcheggi previsti per lo stadio, capace di produrre redditi diversificati a garanzia della continuità e dell’autonomia finanziaria del sistema. Nasce il “Parco del Borgo Vecchio”, l’alternativa suburbana al centro storico.

The project develops the insertion of a large sport complex in a prestigious environmental context. The Council of Siena, after identifying a large area in the south of the city, left the designers the responsibility to choose the most appropriate collocation for the stadium.
Our proposal was to preserve the environmental integrity of the area and with great attention the project appears like a kind of natural incident caused by an idrogeological phenomenon or by an earthquake. Like the ancient Greek Theater, the stadium for 20.000 spectators is set within the Fossatone slopes, and takes shape as it curves through its bends, opening out to create a spacious area for concerts and outdoor events, excavated to form an inclined plane, offering a view of Siena in the background.
On the west side the “inhabited roof” is the sole built element of the stadium: this is a thick deck that emerges from the ground, projects over the grandstand and ends with a pronounced overhang above the curves.
The facing material, specifically developed with a mini-beton technology using sienese tuff as inert, guarantee a perfect integration of the stadium in the surrounding area.
With regards to the dynamics of use the project transforms the stadiums classical typology from an enclosed and intermittent container to an open place living “seven days a week”; from Cassia street to Arbia stream, from Renaccio to Isola, a complex system is foreseen where sport practices coexist with other activities such as educational, tertiary and commercial.
A multifunctional area that is well served by infrastructures and parking lots for visitors to the stadium, an area which is able to produce diversified revenues that can guarantees the continuation of the system’s financial independence.
As a suburban alternative of the city centre, the Borgo Vecchio Park is founded.


COMMITTENTE / CLIENT
Comune di Siena
PROGETTISTI / DESIGN ARCHITECTS
  • Davide Marazzi,
  • Marco Pavarani,
  • Paolo Iotti
INGEGNERIA STRUTTURALE / STRUCTURAL ENGINEERING
FAVERO & MILAN
INGEGNERIA s.r.l.
IMPIANTI / TECHNICAL PLANTS
Manens Intertecnica
CONTROLLO COSTI / BUDGET MANAGEMENT
Gasparini Associati
PROGETTO DEL VERDE
Emilio Trabella
FATTIBILITÀ AMBIENTALE
A.I. Studio
DIMENSIONI / DIMENSIONS
  • 400.000 mq
    superficie del lotto
  • 30.000 mq
    superficie costruita
  • 50.000 mq
    parcheggi
  • 20.000 posti
    (di cui 8.000 coperti)
IMPORTO LAVORI / CONSTRUCTION BUDGET
euro 68.000.000
CRONOLOGIA / TIME PLANNING
  • 2003-2004 concorso di progettazione in due fasi
    (Primo Premio / First prize)
  • 2008-2009 progettazione definitiva ed esecutiva
  • in progress